Italfutsal rimontata e battuta: la Croazia vince 5-4 a Padova, domani si replica a Maser

Pub:Mon, 23 Sep 2019 22:57:49 +0200

Gli Azzurri giocano 30' perfetti, salgono 4-2 grazie alla doppietta di Merlim, ma subiscono il ritorno croato…

Primo tempo di grande equilibrio alla Kioene Arena di Padova. Italia e Croazia si sfidano a viso aperto, senza lesinare l’impegno. Come si poteva facilmente prevedere, la grande fisicità dei croati costringe gli Azzurri a una partita di lotta. Il primo squillo è dell’Italia, con Merlim che si accentra sul destro e calcia di poco alto. Ci provano anche Canal e De Oliveira, ma senza grossa precisione. Entra in partita Michele Miarelli: il portiere del Pesaro chiude alla grande su Novak e tiene involata la porta. Nulla può, però, al sedicesimo, quando Jelovcic trasforma il rigore nato dalla trattenuta di Azzoni su Postruzin. La reazione italiana è immediata: ripartenza di Cesaroni e palla sotto al ‘sette’ per l’1-1 dopo appena 50”. Nei restanti quattro minuti un palo scheggiato da Postruzin, un’occasione per Ercolessi e una parata di Miarelli su Novak: all’intervallo è 1-1.

Nella ripresa succede tutto all’inizio e alla fine. Al secondo minuto Peric riporta avanti la Croazia, ma Merlim non si fa pregare e dopo appena quindici secondi impatta di nuovo facendo 2-2. Il mago dello Sporting Lisbona è infallibile e al terzo minuto segna il primo sorpasso azzurro: Italia avanti 3-2. La squadra di Musti sembra aver in mano la partita, soprattutto quando al decimo Marcelinho non si fa pregare portando l’Italfutsal al massimo vantaggio. Sopra di due reti Ercolessi e compagni provano a gestire, sfiorando il 5-2 con un palo di Cavinato, ma la Croazia non molla. Negli ultimi tre minuti la pressione si fa insostenibile: Jelovcic accorcia le distanze, Duras fa 4-4 col portiere di movimento a soli settanta secondi dalla fine. Il pari è una mazzata per gli Azzurri, che incassano anche il sorpasso ospite, con Peric che completa la rimonta, il 5-4 conclusivo quando il cronometro segna 18” alla sirena.

Domani si torna in campo, con Italia e Croazia che si sfideranno alle 20.30 (diretta streaming sul sito FIGC) al Pala Maser di Maser (TV). “Abbiamo retto bene per trenta minuti, ma siamo calati nel momento decisivo della partita – commenta il Ct Alessio Musti -. Fa comunque parte del nostro percorso di crescita: dispiace per il risultato perché siamo anche andati vicini al 5-2, ma domani proveremo a rifarci”.

ITALIA-CROAZIA 4-5 (1-1 p.t.)

ITALIA: Miarelli, Ercolessi, Azzoni, Merlim, De Luca, Ugherani, Marcelinho, De Oliveira, Canal, Fusari, Cavinato, Cesaroni, Musumeci, Molitierno. C.T. Alessio Musti
CROAZIA: Baskovic, Kanjuh, Jurlina, Jelovcic, Peric, Jelavic, Kazazic, Duras, Martinac, Novak, J. Suton, Postruzin, L. Suton, Horvat, Luketin. C.T. Mato Stankovic
MARCATORI: 14’33” p.t. rig. Jelovcic (C), 15’29” Cesaroni (I), 1’14” s.t. Peric (C), 1’29” Merlim (I), 3’12” Merlim (I), 9’49” Marcelinho (I), 16’49” Jelovcic (C), 18’51” Duras (C), 19’42” Peric (C)
AMMONITI: Azzoni (I), Kazazic (C), Fusari (I), De Oliveira (I)
ARBITRI: Federico Beggio (Padova), Michele Ronca (Rovigo), Alberto Volpato (Castelfranco Veneto) CRONO: Daniel Fior (Castelfranco Veneto)