PIOLI: “MI ASPETTO TANTO DALLA MIA SQUADRA”

Quarta giornata di Champions League, e si torna a San Siro: la sfida tra Milan e Porto è decisiva per il futuro europeo dei rossoneri di Mister Pioli. Dopo le tre sconfitte di misura, servono punti per tenere aperto l’obiettivo del passaggio del turno. Queste le parole di Mister Pioli in conferenza stampa:

L’APPOGGIO DI SAN SIRO
“I nostri tifosi non sono secondi a nessuno, in Champions non siamo ancora riusciti a regalare loro le soddisfazioni che meritano. Domani abbiamo un’altra opportunità e le grandi squadre sanno cogliere queste occasioni, mi aspetto tanto dalla mia squadra”.

LE SCELTE E LE PROSSIME PARTITE
“Non possiamo permetterci di pensare ad altro, domani è un crocevia fondamentale e non possiamo sbagliare. Ci crediamo perché abbiamo le qualità, abbiamo una partita per sistemare la situazione dopo gli errori della gara d’andata. Quello che accadrà domenica è un’altra situazione”. 

LE QUESTIONI ARBITRALI DI ROMA-MILAN
“Io credo a una cosa: abbiamo vinto a Roma perché abbiamo giocato meglio di loro e perso a Porto perché gli avversari sono stati migliori di noi. Tutto il resto non posso controllarlo. Noi restiamo concentrati su quello che stiamo facendo, con la squadra abbiamo analizzato bene la prestazione e sappiamo quali sono le cose positive che abbiamo fatto. Non possiamo perdere energie su altre situazioni, ora testa alla Champions perché sentiamo di non meritare lo zero in classifica e abbiamo questa partita per confermarlo, contro un avversario forte e ostico”. 

LA GARA D’ANDATA
“Il Porto è stato aggressivo ma non così tanto da non permetterci di gestire la palla in sicurezza, abbiamo perso la partita perché non abbiamo saputo controllarla. Ci siamo mossi male e non siamo riusciti a saltare la loro pressione, questa è una fase che domani dovremo sviluppare sicuramente meglio”. 

CHE PORTO SI ASPETTA
“Il loro modo di giocare è questo, tengono molto bene il campo e sono sempre aggressivi, sono una squadra forte. Dovremo essere lucidi e precisi tecnicamente, non sbagliare giocate semplici ed essere propositivi e pericolosi”. 

IL RAPPORTO CON LA DIRIGENZA
“Penso sia importante che il lavoro venga riconosciuto, sono molto contento del rapporto che ho con il Club e i dirigenti. Del futuro parleremo insieme”.

(Foto LaPresse)

www.acmilan.com

Read More