Category Archives: Serie A Notizie – Calcio

Serie A Notizie – Calcio

Stasera a Fürth l’esordio della Nazionale delle Leggende: in campo 17 Campioni del Mondo

Pub:Mon, 07 Oct 2019 14:42:58 +0200

Il match tra le stelle di Germania e Italia si giocherà alle 18 e sarà trasmesso in diretta su Sky Sport Football. In tribuna il presidente federale Gravina…

Dici Italia-Germania e ripensi alla ‘Partita del Secolo’ di Messico ’70, il cinematografico 4-3 deciso da un gol di Gianni Rivera, o a Spagna ’82, con l’Italia che salì sul tetto del Mondo per la terza volta nella sua storia battendo in finale i tedeschi. Più fresco il ricordo della semifinale del Mondiale 2006, quando Fabio Grosso e Alex Del Piero ammutolirono il ‘Westfalenstadion’ di Dortmund e dei Quarti di finale di EURO 2016, dove l’Italia di Conte fu costretta ad arrendersi ai rigori dopo una vera e propria altalena di emozioni.

Stasera allo ‘Sportpark Ronhof’ di Fürth (ore 18 – diretta su Sky Sport Football), sotto gli occhi del presidente federale Gabriele Gravina e del segretario generale Marco Brunelli, andrà in scena l’ennesimo capitolo della saga tra Italia e Germania: ad affrontarsi per la prima volta saranno la Nazionale delle Leggende Azzurre e la selezione tedesca DFB-All-Stars. In campo ci saranno 17 Campioni del Mondo (13 italiani, 4 tedeschi) e tanti altri fuoriclasse che torneranno a difendere i colori dei loro Paesi in una sfida infinita tra due Nazionali tra le più titolate al mondo (8 Mondiali e 14 finali disputate, 4 Europei, 1 Olimpiade e 1 Confederations), una grande ‘classica’ che servirà anche a raccogliere fondi per progetti di solidarietà.


Il coordinatore della Nazionale delle Leggende Azzurre Antonio Cabrini, anche lui Campione del Mondo nell’82’, ha convocato 24 giocatori: a difendere i pali due Campioni del Mondo di Germania 2006, Angelo Peruzzi e Marco Amelia, pronti a comandare una difesa in cui il veterano è il classe ’59 Pietro Vierchowod, Campione del Mondo di Spagna ’82, con altri quattro Campioni del Mondo del 2006, Fabio Cannavaro, Fabio Grosso, Gianluca Zambrotta e Cristian Zaccardo, e tre terzini di spinta come Christian Panucci, Moreno Torricelli e Federico Balzaretti. A centrocampo altri tre ‘eroi’ della notte di Berlino, Andrea Pirlo, Gennaro Gattuso e Simone Perrotta, andranno a formare un reparto di assoluto valore con Luigi Di Biagio, ex tecnico dell’Under 21 che nel marzo 2018 ha guidato la Nazionale maggiore nelle amichevoli con Argentina e Inghilterra, Massimo Ambrosini, Stefano Fiore, Damiano Tommasi, Giuliano Giannichedda e Angelo Di Livio. All’iniziativa della FIGC ha risposto presente anche quello che Pelè definì il miglior giocatore del Mundial ’82: Bruno Conti. In avanti spazio al capocannoniere di Italia ’90, Totò Schillaci, a ‘Penna Bianca’ Fabrizio Ravanelli e a due protagonisti del Mondiale tedesco, Francesco Totti e Luca Toni. Al seguito della squadra anche altri due Campioni del Mondo del 1982 come Marco Tardelli e Giuseppe Dossena.

Anche la Germania non è da meno: in panchina a guidare la selezione di casa ci sarà Berti Vogts, che insieme a Beckenbauer trascinò la Germania Ovest alla conquista degli Europei del ’72 (vinti poi anche da Ct nel 1996, l’unico ad esserci riuscito nella doppia veste) e dei Mondiali del ’74. Al suo fianco, nel ruolo di vice, un’altra vecchia conoscenza del campionato italiano, Andreas Brehme, l’ex difensore dell’Inter – specialista di calci piazzati – che con il suo rigore regalò ai tedeschi la Coppa del Mondo a Italia ’90.

Palmares a parte, nella rosa dei 17 giocatori che per l’occasione torneranno a indossare la maglia della Nazionale tedesca spiccano anche i nomi di Neuville, in campo nella sfida mondiale del 2006 vinta 2-0 dall’Italia, di Torsten Frings e dell’attaccante Ulf Kirsten, più volte capocannoniere del campionato della DDR e successivamente bandiera e miglior realizzatore di tutti i tempi del Bayer Leverkusen.

I CONVOCATI DELL’ITALIA

Portieri: Marco Amelia, Angelo Peruzzi;

Difensori: Federico Balzaretti, Fabio Cannavaro, Fabio Grosso, Christian Panucci, Moreno Torricelli, Pietro Vierchowood, Cristian Zaccardo, Gianluca Zambrotta;

Centrocampisti: Massimo Ambrosini, Bruno Conti, Luigi Di Biagio, Angelo Di Livio, Stefano Fiore, Gennaro Gattuso, Giuliano Giannichedda, Simone Perrotta, Andrea Pirlo, Damiano Tommasi;

Attaccanti: Fabrizio Ravanelli, Salvatore Schillaci, Luca Toni, Francesco Totti.

I CONVOCATI DELLA GERMANIA

Portieri: Perry Bräutigam, Roman Weidenfeller;

Difensori: Thomas Berthold, Guido Buchwald, Thomas Helmer, Marko Rehmer, Philipp Wollscheid;

Centrocampisti: Torsten Frings, Jens Nowotny, David Odonkor, Piotr Trochowski;

Attaccanti: Gerald Asamoah, Maurizio Gaudino, Ulf Kirsten, Jürgen Klinsmann, Oliver Neuville, Alexander Zickler.

ITALIA-GERMANIA, LE 5 SFIDE MEMORABILI

– Italia – Germania 4-3 (Mondiali 1970, semifinale)
– Italia – Germania 3-1 (Mondiali 1982, finale)
– Italia – Germania 2-0 (Mondiali 2006, semifinale)
– Italia – Germania 2-1 (Europei 2012, semifinale)
– Italia – Germania 6-7 ai rigori (Europei 2016, quarti di finale)

Cinque sfide indimenticabili e tante gioie per i tifosi azzurri: dal 4-3 nella partita del Secolo del 1970 allo stadio Azteca di Città del Messico, decisa al supplementare da Rivera, al 3-1 nella finale al Bernabeu di Madrid nel 1982, con gli Azzurri di Bearzot in trionfo davanti al presidente Pertini, dalla vittoria firmata Grosso-Del Piero nella semifinale di Dortmund che ci aprì la strada al quarto Mondiale nel 2006 a quella di Varsavia decisa dalla doppietta di Balotelli ad Euro 2012. L’eliminazione ai quarti di Euro 2016, dopo un’infinita serie di rigori, è invece il ricordo più amaro.

ITALIA-GERMANIA, I PRECEDENTI
39 confronti disputati: 16 vittorie Italia, 14 pareggi, 9 vittorie Germania

 

‘European Qualifiers’: l’Italia si raduna a Coverciano, indisponibile Sensi

Pub:Mon, 07 Oct 2019 11:03:08 +0200

Il centrocampista dell'Inter si è infortunato nel match con la Juventus. Nel pomeriggio primo allenamento…

Si raduna a mezzogiorno a Coverciano la Nazionale di Roberto Mancini, che nel pomeriggio sosterrà la prima seduta di allenamento in vista dei match validi per la settima e ottava giornata delle ‘European Qualifiers’. Stefano Sensi è stato esentato dalla convocazione: il centrocampista dell’Inter, uscito ieri sera per infortunio nel posticipo di campionato con la Juventus, resterà al club di appartenenza per le cure del caso. Prima nel Gruppo J grazie ai sei successi conquistati nelle prime sei gare (record nella storia Azzurra agli Europei), l’Italia può staccare il pass per l’Europeo battendo la Grecia nella sfida in programma sabato 12 ottobre (ore 20.45) allo Stadio ‘Olimpico’ di Roma. Poi la Nazionale volerà a Vaduz, dove martedì 15 ottobre (ore 20.45) al ‘Rheinpark Stadion’ affronterà i padroni di casa del Liechtenstein, già battuti 6-0 in occasione dell’incontro giocato lo scorso 26 marzo a Parma.

ITALIA-GRECIA. L’Italia si prepara a tornare a Roma dopo 4 anni (ultimo precedente nell’ottobre 2015, Norvegia battuta 2-1) per quella che sarà la 59a gara della Nazionale a Roma: la Capitale tornerà ad essere la città che ha ospitato più volte gli Azzurri (Milano l’aveva agganciata a quota 58 con Italia-Portogallo di Nations League). In totale il ruolino di marcia parla di 34 vittorie (il record è di Milano con 37), 17 pareggi e 7 sconfitte; 105 i gol realizzati, 47 quelli subiti. Sarà la prima volta invece per la Grecia a Roma: 10 in tutto i precedenti, per gli Azzurri 6 vittorie e 3 pareggi, unica sconfitta datata 47 anni fa ad Atene (2-1 in amichevole). Contro gli ellenici nei 5 precedenti in Italia le sedi sono state Milano, Firenze, Torino, Bari e Bologna.

PARTNERSHIP ‘BAMBINO GESU’’. La FIGC ha scelto di sostenere l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OBPG) di Roma in occasione delle celebrazioni dei 150 anni, iniziate lo scorso 19 marzo e accompagnate dallo slogan ‘Il futuro è una storia di bambini’. Dopo la giornata vissuta con la Nazionale a Coverciano da una delegazione composta da pazienti, medici e infermieri a giugno, gli Azzurri giovedì 10 ottobre renderanno la visita all’Ospedale Pediatrico romano, nella sede del Gianicolo, dove tutta la squadra si suddividerà in gruppi per incontrare il maggior numero di piccoli pazienti ricoverati. Una ampia delegazione di circa 5500 tra pazienti in grado di raggiungere lo Stadio e personale dell’ospedale sarà poi ospite della FIGC all’Olimpico per sostenere la Nazionale in questa gara importantissima per la qualificazione all’Europeo.

La partita sarà inoltre l’occasione per contribuire alle attività di raccolta fondi promosse dal ‘Bambino Gesù’ attraverso il numero solidale 45535. Si tratta di una campagna, avviata già nei mesi scorsi, finalizzata a sostenere la realizzazione dell’Istituto dei Tumori e dei Trapianti, che potrà soddisfare al meglio le necessità di bambini e adolescenti con malattie oncologiche come leucemie, linfomi, tumori solidi, malattie ematologiche non neoplastiche, compresi i trapianti di cellule staminali emopoietiche e di organi. Per questo, la FIGC ha attivato un’asta online con alcune maglie autografate degli Azzurri e la donazione di un’esperienza VIP con walkabout in occasione della gara con la Grecia e integrerà il ricavato con un proprio contributo.

LIECHTENSTEIN-ITALIA. Tre i precedenti con la formazione del Granducato centroeuropeo: le due sfide delle qualificazioni al Mondiale 2018 e l’andata di queste European Qualifier. Al momento il bilancio è di 3 successi per l’Italia, con un parziale di 15 reti a 0. Il 6-0 dell’andata è stato il risultato più ampio per gli Azzurri da 57 anni (stesso score con la Turchia nel 1962). Unico precedente a Vaduz nella prima di questa serie: la Nazionale si impose 4-0, con 4 reti realizzate nel primo tempo.

Per la cartella stampa clicca qui

L’elenco dei convocati
Portieri: Gianluigi Donnarumma (Milan), Pierluigi Gollini (Atalanta), Alex Meret (Napoli), Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Cristiano Biraghi (Inter), Leonardo Bonucci (Juventus), Danilo D’Ambrosio (Inter), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Roma), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Roma);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Federico Bernardeschi (Juventus), Bryan Cristante (Roma), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Marco Verratti (Paris Saint Germain). Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Shangai Shenhua), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli).

Staff
– Commissario Tecnico: Roberto Mancini; Team Manager: Gabriele Oriali; Assistenti tecnici: Alberico Evani, Attilio Lombardo, Giulio Nuciari, Fausto Salsano; Preparatori atletici: Claudio Donatelli e Andrea Scanavino; Preparatore dei portieri: Massimo Battara; Match Analyst: Antonio Gagliardi e Simone Contran; Medici: Andrea Ferretti (responsabile area medica) e Carmine Costabile; Fisioterapisti: Maurizio Fagorzi, Emanuele Randelli, Fabrizio Scalzi, Luca Lascialfari, Fabio Sannino; Osteopata: Walter Martinelli; Nutrizionista: Matteo Pincella; Segretario: Emiliano Cozzi; Capo Ufficio Stampa: Paolo Corbi.

Il programma della Nazionale
Lunedì 7 ottobre
Raduno presso il CTF di Coverciano entro le ore 12
Ore 13.45 – Conferenza Stampa del CT
Ore 17 – Allenamento (aperto ai Media primi 15’ min.)

Martedì 8 ottobre
Sponsor day
Ore 13.45 – Conferenza Stampa Museo del Calcio
Ore 14 – Incontro con i Media (calciatore)
Ore 17 – Allenamento (aperto)

Mercoledì 9 ottobre
Ore 13.45 – Conferenza Stampa Partner FIGC
Ore 14 – Incontro con i Media (calciatore)
Ore 17 – Allenamento (aperto ai Media primi 15’ min.)

Giovedì 10 ottobre
Ore 11 – Allenamento (chiuso)
Ore 15.50 – Partenza treno charter Campo di Marte/Roma
Ore 17.20 – Arrivo a Roma e trasferimento presso Osp.le Pediatrico “Bambino Gesù”
Ore 18 – Visita della Nazionale al “Bambino Gesù”

Venerdì 11 ottobre
Ore 17 – Conferenza Stampa
Ore 17.30 Allenamento MD-1 presso “Stadio Olimpico”

Sabato 12 ottobre
Ore 20.45 – Italia-Grecia “Stadio Olimpico”. Al termine della gara incontro con i Media e rientro in Hotel

Domenica 13 ottobre
Ore 11.30 – Allenamento (chiuso)

Lunedì 14 ottobre
Ore 10.30 – Partenza volo charter AZ Roma/San Gallo (Svizzera)
Ore 18 – Conferenza Stampa
Ore 18.30 – Allenamento MD-1 presso “Rheinpark Stadion” – Vaduz

Martedì 15 ottobre
Ore 20.45 – Liechtenstein-Italia “Rheinpark Stadion” – Vaduz. Al termine della gara incontro con i Media e rientro in hotel

Mercoledì 16 ottobre
Ore 10 – Partenza volo charter AZ San Gallo/Malpensa (11.10) – Roma (13.00)

Il kit Rinascimento della nazionale italiana celebra i nuovi talenti azzurri

Pub:Mon, 07 Oct 2019 09:29:31 +0200

Puma Football si è ispirato alla maglia verde indossata un’unica volta dall’Italia durante la partita vinta 2-0 contro l’Argentina

Direttamente dagli archivi, rinnovato per una nuova generazione di giocatori, PUMA Football ha creato un kit verde per la Nazionale che si ispira al periodo rinascimentale e celebra i tanti giovani talenti che stanno diventando sempre più protagonisti dei successi degli Azzurri.


Il kit segna una nuova era per la Nazionale nel momento in cui un gruppo di giovani calciatori sta conquistando un ruolo importante nella rosa Azzurra (12 calciatori tra quelli in raduno da oggi a Coverciano hanno 25 anni o meno). Con motivi ispirati ai tessuti e all’architettura del Rinascimento, il colore verde del kit risale alla “Maglia Verde” indossata per un’unica volta dall’Italia durante la vittoria per 2-0 contro l’Argentina nel dicembre 1954 allo Stadio Olimpico di Roma.

Dopo quell’occasione, le Nazionali giovanili hanno adottato il verde come Home kit. L’azzurro, infatti, è rimasto per anni un’esclusiva della Nazionale maggiore, un obiettivo da raggiungere per i giovani in maglia verde.


La nuova maglia, che farà il suo esordio il 12 ottobre in occasione di Italia – Grecia nello stesso Stadio Olimpico dove 65 anni fa fu protagonista la precedente maglia verde, presenta una grafica all-over ispirata al Rinascimento, una celebrazione del passato, del presente e del futuro della cultura italiana. Il kit fa parte di una più ampia collezione caratterizzata dalla grafica rinascimentale creata in esclusiva per la FIGC con l’obiettivo di dare un’ondata di novità sia in campo che fuori.

Italia, reazione da grande squadra: Slovenia ko per 3-1 e accesso alla Fase Élite garantito

Pub:Sat, 05 Oct 2019 18:00:47 +0200

Le ragazze di Sbardella dominano, vanno in vantaggio e subiscono il pareggio sull’unica occasione avversaria. Nel finale Landa e Anghileri firmano la vittoria…

Il sollievo dopo la grande paura: la Nazionale femminile Under 19 rimette in piedi una partita che si era improvvisamente complicata e centra la seconda vittoria su due sfide in questo Qualifying Round (3-1 il risultato finale contro la Slovenia). Un successo che significa qualificazione matematica alla Fase Élite e l’opportunità di centrare il primo posto nel raggruppamento nell’ultima gara del girone contro la Russia, in programma nuovamente a Siena martedì 8 ottobre (calcio d’inizio ore 15).


“Paradossalmente – commenta il tecnico delle Azzurrine, Enrico Sbardella – la sfida contro le russe potrebbe essere meno complicata di questa, perché avremo di fronte un avversario che avrà voglia di disputare la propria partita e che non si schiererà con undici giocatrici dietro la linea della palla”.

Già, perché il 4-2-3-1 disegnato dall’allenatrice della Slovenia Petra Mikeln aveva un atteggiamento offensivo solo sulla carta, che nella pratica si tramutava in un vero ‘fortino’ a difesa della propria porta: Klicic e Jursnik – che sarebbero dovuti essere i due esterni dietro la punta Milovic – ricoprivano invece, di fatto, un anomalo ruolo da terzino in una difesa a sei.


Così, dopo 28’ di attacchi azzurri senza grandi effetti, Bragonzi lotta come al suo solito in mezzo ai difensori avversari e, su un cross pennellato da Bellucci, viene affossata da Sok in piena area: rigore inequivocabile e Silvioni freddissima dagli undici metri nello sbloccare la gara.

Giordano imperversa e si fa vedere con continuità sulla destra, ma l’Italia non riesce a costruire il colpo del ko. E proprio nel momento di maggiore controllo della gara da parte delle ragazze di Sbardella, un errore in fase di disimpegno spiana la strada a Milovic, abile a non fallire a tu per tu con Forcinella l’unica occasione da rete avuta dalla Slovenia in tutto l’arco dell’incontro (20’ st).

Ma la forza dell’Italia è proprio qua: dopo aver dominato il match e dopo aver subito un immeritato pareggio, le Azzurrine reagiscono da grande squadra, mettendo nuovamente alle corde la Slovenia e creando occasioni da gol a ripetizione. Sbardella manda nella mischia Landa e proprio da uno spunto della numero venti sulla sinistra – appena 3’ minuti dopo il suo ingresso in campo – Anghileri sbuca in mezzo all’area e di prima intenzione fa 2-1 (31’ st). Landa completa il suo pomeriggio di gloria al 33’ della ripresa, finalizzando un serie di rimpalli per il 3-1 finale.


Gli ultimi minuti sono un assalto continuo delle Azzurrine: la sonora vittoria della Russia (6-0) contro l’Estonia, infatti, imporrebbe all’Italia – per arrivare prima nel girone – di vincere con 6 gol di scarto contro la Slovenia per avere poi a disposizione due risultati su tre nell’ultima e decisiva sfida di martedì. Ma l’assalto italiano si stampa, negli ultimi minuti, per due volte sui legni della porta difesa da Bozic.

“Il calcio – sintetizza Enrico Sbardella – è anche questo: subire un gol per un incidente dopo aver dominato tutto l’incontro. Dopo il pareggio, però, ho visto una grande voglia nelle ragazze per riagguantare il successo,

L’importante adesso è guardare il bicchiere mezzo pieno: siamo passati alla Fase Élite con due vittorie su due partite e ci giocheremo il primo posto nell’ultima sfida contro la Russia”.

 

Italia-Slovenia 3-1

ITALIA: Forcinella; Boglioni, Corrado (45’ st Ripamonti), Brscic; Fracaros (35’ st Zanoli), Colombo (28’ st Landa), Silvioni, Giordano; Distefano (1’ st Corazzi), Bellucci (1’ st Anghileri), Bragonzi. A disp.: Beretta, Novelli, Zanni, Quazzico. All.: Sbardella

SLOVENIA: Bozic; Potcnik, Klopcic, Sok, Smid; Zajimi, Igerc (37’ st Cizmazija); Klicic, Kastelec (46’ t Lavrencic), Jursnik; Milovic. A disp.: Oblak, Kos, Rucman, Pernek, Horvat, Tusek, Kovacic. All.: Mikeln

ARBITRO: Shukrula (OLA). Assistenti: Overtoom (OLA) e Nur Yilmaz (TUA). Quarto Ufficiale: Muratdagi

RETI: 29’ pt Silvioni, 20’ st Milovic, 31’ st Anghileri, 33’ st Landa
NOTE: ammonite Milovic e Sok. Spettatori 500 circa

 

L’elenco delle convocate

Portieri: Beatrice Beretta (Juventus), Camilla Forcinella (Hellas Verona Women);
Difensori: Paola Boglioni (Empoli Ladies), Margherita Brscic (Juventus), Heden Corrado (AS Roma), Michela Giordano (Juventus), Sara Novelli (Sassuolo), Francesca Quazzico (Inter), Chiara Ripamonti (Fiorentina Women’s), Martina Zanoli (Orobica Bergamo);
Centrocampiste:  Sofia Colombo (FC Inter), Azzurra Corazzi (Fiorentina Women’s), Caterina Fracaros (FC Inter), Ludovica Silvioni (Juventus), Silvia Zanni (Sassuolo);
Attaccanti: Federica Anghilleri (Empoli Ladies), Melissa Bellucci (Juventus), Asia Bragonzi (Juventus), Gaia Di Stefano (Juventus), Serena Landa (Roma Calcio Femminile).

Staff – Allenatore: Enrico Maria Sbardella; Capo delegazione: Patrizia Recandio; Segretario: Maurizia De Micheli; Vice allenatore: Elena Proserpio Marchetti; Preparatore atletico: Adalberto Zamuner; Preparatore dei portieri: Davide Quironi; Match analyst: Simone Contran; Medico: Federico Fantoni; Nutrizionista: Alessio Colli; Fisioterapisti: Camillo Piastra e Alessandro Lastoria; Tutor: Monica Tamburri e Alessandro Milani; Magazziniere: Filippo Nicolamme.

 

*Calendario, risultati e classifica del Gruppo 8

Prima giornata (2 ottobre)
ITALIA-Estonia 5-0
Slovenia-Russia 0-5

Seconda giornata (5 ottobre)
ITALIA-Slovenia 3-1
Russia-Estonia 6-0

Terza giornata (8 ottobre)

ITALIA-Russia (Ore 15 – Stadio ‘Artemio Franchi’ di Siena)
Slovenia-Estonia (Ore 15 – Stadio Comunale ‘Santi Tiezzi’ di Cortona)

Classifica: Russia (differenza reti +11) e ITALIA (+7) 6 punti, Estonia e Slovenia 0

* si qualificano alla Fase Élite le prime due classificate di ogni girone e le quattro migliori terze.
Successivamente, saranno le vincitrici di questi nuovi sette gironi a partecipare (insieme alle padrone di casa della Georgia) alla fase finale in luglio

 

 INFO PER LA STAMPA: per richiedere gli accrediti per le ultime sfide del Qualifying Round, si prega di inviare un’email all’indirizzo stampa.cov@figc.it indicando gara e testata giornalistica di appartenenza

 

 

Italfutsal femminile, a novembre il Portogallo, Salvatore: “Cerchiamo conferme”

Pub:Sat, 05 Oct 2019 11:34:29 +0200

La vittoria della Women Futsal Week in Croazia ha tracciato una chiara linea…

La vittoria della Women Futsal Week in Croazia ha tracciato una chiara linea nel percorso di crescita della Nazionale italiana femminile di futsal. C’è una rotta da seguire, ma per farlo sarà necessario attrezzare a dovere la nave, per poter riuscire a navigare in ogni tipo di acqua. Mare mosso o mare calmo che sia, l’Italia cerchia con il rosso le date più importanti sul calendario: il 5 e 6 novembre le azzurre voleranno a Oliveira de Azemeis in Portogallo per affrontare la nazionale lusitana in un doppio test match di massimo livello.

“Abbiamo pianificato un percorso che ci possa portare alle qualificazioni all’Europeo nella miglior condizione possibile – racconta il Ct Francesca Salvatore -. Il raduno a Novarello è servito anche a questo, nonostante sia arrivato a inizio stagione, per condividere e intensificare i nostri concetti. Da parte delle ragazze ho visto grande impegno e dedizione, ma soprattutto un gruppo molto unito, sia in campo che fuori”. A settembre del prossimo anno l’Italia affronterà le qualificazioni all’Europeo del 2021, fra le tappe di avvicinamento, proprio il Portogallo: “Ci abbiamo giocato due anni fa e l’idea è quella di provare a ridurre ancora il gap. Affrontare una delle migliori nazionali al mondo ci darà la misura di quanto siamo cresciute rispetto all’ultima volta: è un impegno davvero importante, ma sono fiduciosa nelle risposte che saprà dare la squadra” chiude Salvatore.

 

Le Azzurre brillano a Palermo, la Bosnia cade sotto i colpi di Girelli e Giugliano

Pub:Tue, 08 Oct 2019 19:42:44 +0200

Ottima prestazione dell’Italia, che vince 2-0 e centra la 4ª vittoria nelle qualificazioni a EURO 2021. La Ct Bertolini ringrazia il pubblico…

Alla prima uscita in Italia dopo il Mondiale francese, la Nazionale di Milena Bertolini batte 2-0 la Bosnia e si mostra in tutto il suo splendore, riscaldando gli oltre 5.000 tifosi del ‘Renzo Barbera’ con una prestazione bella e convincente. Se nelle prime tre trasferte in Israele, Georgia e Malta le Azzurre erano tornate con i tre punti in valigia ma senza entusiasmare, a Palermo si sono riviste quelle ‘Ragazze Mondiali’ che la scorsa estate hanno fatto innamorare milioni di italiani. Le reti della solita Cristiana Girelli, al quarto gol consecutivo in queste qualificazioni, e di Manuela Giugliano permettono alla Nazionale di consolidare il primato nel Gruppo B e di proseguire a passo spedito il percorso che porta al Campionato Europeo di Inghilterra 2021, dove si qualificano direttamente le vincitrici dei nove gironi e le terze migliori seconde classificate.


“Sono felice per le ragazze – il commento di Milena Bertolini – che hanno conquistato una vittoria importante contro un’avversaria ostica. Mi è piaciuto l’approccio che abbiamo avuto, sappiamo che il girone è difficile, ma giocando così arriveranno altre vittorie”. La Ct ha poi ringraziato i tifosi, che hanno incitato la Nazionale dal primo all’ultimo minuto: “Palermo ha dato un’immagine meravigliosa, abbiamo bisogno di ricevere questo calore. Le ragazze hanno giocato bene anche grazie alla spinta del pubblico”.


LA PARTITA – Rispetto al match di Malta tornano nell’undici titolare Guagni, Linari e Girelli, quest’ultima decisiva venerdì scorso a Ta‘Qali entrando in campo nella ripresa. A centrocampo spazio a Martina Rosucci, mentre Valentina Giacinti affianca Girelli nel tandem offensivo. Sotto la spinta dei cinquemila del ‘Barbera’ l’Italia parte forte e sfiora subito il vantaggio al 3’ con Giugliano, che servita da Giacinti si invola verso la porta ma conclude debolmente trovando la respinta di Haracic.

È il prologo al gol che arriva pochi secondi più tardi: Rosucci serve al centro dell’area Girelli, che elude la marcatura di Krso e infila il pallone sotto le gambe del portiere bosniaco. È il quarto gol nelle qualificazioni per l’attaccante della Juventus, a segno in tutte e quattro le gare del girone. Rispetto alle prime uscite stagionali le Azzurre sembrano più decise, vogliose di chiudere la partita il prima possibile. Si gioca in una sola metà campo, con l’Italia che reclama due rigori per una trattenuta su Giacinti e per un fallo di mano di Hamzic. Al 28’ arriva il meritato raddoppio, con Giugliano che sfrutta il buco della difesa bosniaca sul lancio di Galli e gira di destro in rete il pallone del 2-0. Ancora Girelli di testa sfiora il tris, ma Haracic si fa trovare pronta.

Nella ripresa il copione non cambia e la partita resta a senso unico. Dopo due minuti splendida azione sull’asse Girelli-Giacinti, con Giugliano che allarga troppo il piatto e manda a lato. A conferma del dominio azzurro, la Bosnia batte il primo calcio d’angolo della sua partita al 63’, quando si affaccia per la prima volta dalle parti di Laura Giuliani. L’unica nota stonata è l’infortunio di Manuela Giugliano, che lascia il posto a Daniela Sabatino per un’Italia sempre più a trazione anteriore. Arriva anche l’esordio di Giada Greggi, centrocampista della Roma classe 2000 tra le più belle promesse del nostro calcio. Nel finale Stefania Tarenzi rileva Giacinti e di testa, sulla torre aerea di Guagni, centra la traversa. L’Italia esce dal campo tra gli applausi, il suo cammino nelle qualificazioni riprenderà l’8 e il 12 novembre con altre due gare casalinghe a Benevento e Castel di Sangro: avversarie Georgia e Malta, entrambe già battute da Gama e compagne e relegate agli ultimi due posti della classifica del girone.

ITALIA-BOSNIA ERZEGOVINA 2-0 (2-0 pt)

Reti: 3’ Girelli (I), 28’ Giugliano (I)

ITALIA
: Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Cernoia, Giugliano (64’ Sabatino), Galli, Rosucci (79’ Greggi); Girelli, Giacinti (85’ Tarenzi). A disp: Durante, Bergamaschi, Marinelli, Serturini, Fusetti, Boattin, Glionna, Tucceri Cimini, Aprile. Ct: Milena Bertolini.

BOSNIA
: Haracic; Dijakovic, Nikolic, Hasanbergovic, Krso; Spahic, Aleksic, Ahmic (46’ Vujadin); Kapetanovic (81’ Grebenar), Spasojevic, Hamzic (61’ Damjanovic). A disp: Hodzic, Hasanbegovic, Sakotic, Bektas, Gacanica, Koprena, Masinovic, Milovic. Ct: Samira Huren.

Arbitro: Hristiyana Guteva (BUL), Assistenti: Ekaterina Marinova (BUL) e Pavleta Rashkova (BUL). Quarto ufficiale: Kristina Georgieva (BUL).
Note: spettatori 5100. All’89’ espulsa Krso (B).

 

Azzurrine, che peccato: Italia ko con la Russia, ma la qualificazione alla Fase Élite era già stata centrata

Pub:Tue, 08 Oct 2019 17:56:40 +0200

Come nelle precedenti gare, le ragazze di Sbardella peccano in lucidità sotto porta e mancano l’occasione di chiudere il girone al primo posto…

È mancato l’acuto finale: come in occasione delle precedenti due partite del Qualifying Round contro Estonia e Slovenia, la Nazionale femminile Under 19 ha creato e sviluppato il proprio gioco, ma non è riuscita a capitalizzare quanto prodotto. E contro la Russia, nella sfida che valeva il primo posto nel girone, le Azzurrine hanno perso per 1-0, subendo la rete decisiva su una delle pochissime occasioni da rete concesse alle avversarie.


“Innanzitutto – analizza in maniera lucida a fine gara il tecnico dell’Italia, Enrico Sbardella – bisogna essere soddisfatti per la qualificazione raggiunta. Anche oggi, purtroppo, abbiamo peccato in lucidità nella fase realizzativa, come già accaduto nelle partite precedenti; e contro una squadra come la Russia, organizzata e fisicamente pronta, devi essere bravo a concretizzare, altrimenti rischi di soccombere sull’unica occasione concessa”.

L’acuto di Lazareva (18’ pt), brava a incrociare sul secondo palo da dentro l’area, è infatti l’acuto russo che decide una gara equilibrata, in cui le ragazze di Valentin Gavva si sono difese sempre con ordine e in cui le Azzurrine, nonostante un primo tempo non brillantissimo, hanno comunque creato alcuni pericoli alla retroguardia avversaria.

Mister Sbardella, che era dovuto ricorrere al primo cambio già dopo appena quattro minuti di gioco per sostituire l’infortunata Anghileri (lussazione alla spalla destra), a inizio ripresa mischia le proprie carte in tavola, inserendo Corazzi e Bellucci e dando una nuova impronta al gioco azzurro: la Russia fatica a organizzarsi nei primi minuti del secondo tempo, ma l’Italia non capitalizza con Landa (7’st) dopo una bella azione personale di Bellucci sulla sinistra.


La punizione di Fracaros dal limite (13’ st) viene deviata da Zhurkova sul palo: è il secondo legno – dopo quello colpito da Silvioni nel primo tempo, sempre su calcio piazzato – di un’Italia comunque generosa, ma che con il passare del tempo viene arginata bene dalla Russia.

Al Franchi di Siena finisce 0-1 e al sorteggio della Fase Élite l’Italia, con molte probabilità, sarà inserita in terza fascia: il che vuol dire far parte di un girone a quattro – con almeno due squadre con un ranking migliore – in cui solo la prima classifica potrà accedere alla fase finale in Georgia, in programma a luglio: “Per il prossimo turno, che si disputerà in primavera – commenta Sbardella – le ragazze arriveranno più rodate, con più partite di campionato alle spalle. E dovremo essere più concreti per avere la possibilità di centrare la qualificazione alla fase finale”.

 

Italia-Russia 0-1

ITALIA: Beretta; Boglioni, Brscic, Ripamonti (1’ st Corazzi); Fracaros (34’ st Zanoli), Colombo, Silvioni (44’ st Zanni), Giordano; Distefano (1’ st Bellucci), Anghileri (4’ pt Landa), Bragonzi. A disp.: Forcinella, Corrado, Novelli, Quazzico. All.: Sbardella

RUSSIA: Zhukova; Kulinich, Fetisova, Klochko, Kozik (43’ st Yastrebinskaya); Belousova, Kozik, Petrova; Abdullina, Lazareva, Govor (15’ st Batova). A disp.: Stanovova, Eliseeva, Komiassarova, Brusova, Abashilova, Trenkina. All.: Gavva

ARBITRO: Shukrula (OLA). Assistenti: Overtoom (OLA) e Thoresen (NOR). Quarto Ufficiale: Dokset

RETE: 18’ pt Lazareva
NOTE: spettatori 400 circa. Tempo di recupero: 2’ pt, 4’ st. Ammonite: Klochko e Boglioni

 

 

L’elenco delle convocate

Portieri: Beatrice Beretta (Juventus), Camilla Forcinella (Hellas Verona Women);
Difensori: Paola Boglioni (Empoli Ladies), Margherita Brscic (Juventus), Heden Corrado (AS Roma), Michela Giordano (Juventus), Sara Novelli (Sassuolo), Francesca Quazzico (Inter), Chiara Ripamonti (Fiorentina Women’s), Martina Zanoli (Orobica Bergamo);
Centrocampiste:  Sofia Colombo (FC Inter), Azzurra Corazzi (Fiorentina Women’s), Caterina Fracaros (FC Inter), Ludovica Silvioni (Juventus), Silvia Zanni (Sassuolo);
Attaccanti: Federica Anghilleri (Empoli Ladies), Melissa Bellucci (Juventus), Asia Bragonzi (Juventus), Gaia Di Stefano (Juventus), Serena Landa (Roma Calcio Femminile).

Staff – Allenatore: Enrico Maria Sbardella; Capo delegazione: Patrizia Recandio; Segretario: Maurizia De Micheli; Vice allenatore: Elena Proserpio Marchetti; Preparatore atletico: Adalberto Zamuner; Preparatore dei portieri: Davide Quironi; Match analyst: Simone Contran; Medico: Federico Fantoni; Nutrizionista: Alessio Colli; Fisioterapisti: Camillo Piastra e Alessandro Lastoria; Tutor: Monica Tamburri e Alessandro Milani; Magazziniere: Filippo Nicolamme.

 

*Risultati e classifica del Gruppo 8

Prima giornata (2 ottobre)
ITALIA-Estonia 5-0
Slovenia-Russia 0-5

Seconda giornata (5 ottobre)

ITALIA-Slovenia 3-1
Russia-Estonia 6-0

Terza giornata (8 ottobre)

ITALIA-Russia 0-1
Slovenia-Estonia 5-0

Classifica finale: Russia 9 punti,  ITALIA 6, Slovenia 3, Estonia 0

 

* si sono qualificate alla Fase Élite le prime due classificate di ogni girone e le quattro migliori terze.
Successivamente, saranno le vincitrici di questi nuovi sette gironi a partecipare (insieme alle padrone di casa della Georgia) alla fase finale in luglio

 

Italfutsal, rincorsa al Mondiale: i 19 convocati per il Main Round di Eboli

Pub:Tue, 08 Oct 2019 16:04:46 +0200

Prima gara il 24, il giorno prima la scrematura a 14…

L’edizione 2020 del Mondiale di futsal è in programma in Lituania. Gli azzurri saranno a Eboli, tornando in Campania a nove anni dall’ultima volta (doppia amichevole con la Spagna, la prima a Napoli, la seconda ad Aversa).

L’Italia ha 23 precedenti con l’Ungheria, di cui 17 vittorie, con quattro pari e due sconfitte. Curioso come proprio i magiari contesero la qualificazione allo scorso mondiale agli azzurri: nello spareggio andata/ritorno vittoria 3-0 in Ungheria, netto 6-0 nel ritorno al Pala Estra di Prato e pass per la Colombia staccato.

Al contempo, Italfutsal imbattuta nei dieci precedenti contro la Bielorussia. Per trovare invece due partite contro l’Inghilterra bisogna tornare indietro di oltre 30 anni, ai due test di Roma – luglio 1983 e luglio 1985 – che videro la nazionale battere i Leoni prima 8-0 e poi 6-1.

Alla fase successiva, ovvero l’Elite Round, accederanno le prime due classificate di ogni raggruppamento: le otto vincitrici del Main Round saranno teste di serie in occasione del sorteggio, previsto il 7 novembre 2019.

L’Europa ha sei posti a disposizione per Lituania 2020, con i padroni di casa già qualificati d’ufficio. Alla fase finale arrivano le quattro vincitrici dell’Elite Round, in programma dal 28 gennaio al 2 febbraio 2020, mentre le seconde classificate si affronteranno negli spareggi, da cui usciranno le ultime due nazionali europee che andranno al Mondiale.

Gli azzurri si ritroveranno a Eboli mercoledì 16 ottobre, per dieci giorni di raduno che porteranno Musti a compiere le scelte definitive. Sono 19 i convocati del Ct azzurro: di questi, 14 prenderanno parte al Main Round.

Le partite dell’Italia saranno tutte trasmesse in diretta su Raisport +HD.

I convocati:

Portieri: Stefano Mammarella (AcquaeSapone Unigross), Michele Miarelli (Italservice Pesaro), Francesco Molitierno (Sandro Abate Avellino)

Giocatori di movimento: Giacomo Azzoni (Came Dosson), Mauro Canal (Italservice Pesaro), Diego Cavinato (Sporting Lisbona), Paolo Cesaroni (Meta Catania), Massimo De Luca (Real Rieti), Julio De Oliveira (Italservice Pesaro), Marco Ercolessi (Feldi Eboli), Murilo Ferreira (AcquaeSapone Unigross), Giuliano Fortini (Italservice Pesaro), Cristiano Fusari (Signor Prestito CMB), Marcelinho (Italservice Pesaro), Alex Merlim (Sporting Lisbona), Carmelo Musumeci (Meta Catania), Sergio Romano (Feldi Eboli), Federico Scalambretti (S.S. Lazio), Gabriele Ugherani (Came Dosson)

Staff – Commissario tecnico: Alessio Musti; Capo Delegazione: Andrea Montemurro; Coordinatore tecnico: Roberto Menichelli; Segretario: Fabrizio Del Principe; Assistente allenatore: Gianfranco Angelini; Preparatore atletico: Valerio Viero; Preparatore dei portieri: Mauro Ceteroni; Video analista: Riccardo Manno; Medico: Andrea Gattelli e Nicola Pucci; Fisioterapista: Diego Falanga e Vittorio Lo Senno

MAIN ROUND QUALIFICAZIONE FIFA FUTSAL WORLD CUP 2020
PALA SELE – EBOLI (SA)

Giovedì 24 ottobre
Ungheria-Inghilterra ore 17
Italia-Bielorussia ore 20.30

Venerdì 25 ottobre
Bielorussia-Inghilterra ore 16
Italia-Inghilterra ore 19

Domenica 27 ottobre
Ungheria-Italia ore 16
Inghilterra-Bielorussia ore 20.30

Azzurrini a Dublino. Cutrone al rientro: “Vestire questa maglia mi riempie sempre di orgoglio”

Pub:Tue, 08 Oct 2019 15:37:03 +0200

L’attaccante del Wolverhampton: “Quello contro la Repubblica d’Irlanda sarà un test molto importante per noi”. Domani allenamento di rifinitura…

“Vestire questa maglia mi riempie sempre di orgoglio. Siamo una buona squadra, tutti dobbiamo imparare qualcosa, aiutandoci sempre per essere un gruppo compatto”: a parlare così è l’attaccante del Wolverhampton Patrick Cutrone al suo rientro nell’Under 21 dopo la delusione europea. Un capitolo archiviato, anche se resta l’amarezza: “Giocavamo in Italia – racconta il giocatore – e avevamo una grande squadra, ma purtroppo l’Europeo non è andato bene. Sapevamo che, sbagliando anche una sola partita, si rischiava di uscire”.

Oggi Cutrone, uno dei veterani del gruppo, trova un tecnico nuovo e una squadra diversa. Dopo la bella vittoria contro il Lussemburgo (5-0), gli Azzurrini si preparano ad affrontare la prima trasferta in quello che Nicolato definisce “un match complicato”. L’Under 21, infatti, scenderà in campo giovedì (Tallaght Stadium di Dublino ore 20.05 locali, ore 21.05 italiane) contro la Repubblica d’Irlanda, attuale capolista a punteggio pieno del Gruppo 1, grazie ai successi conquistati con Lussemburgo, Armenia e Svezia. “Incontreremo una squadra che fino ad oggi ha fatto un percorso netto, che ha dei giocatori di grande qualità e per noi sarà un test importante a questo punto della stagione. Personalmente sto attraversando un buon momento, mi trovo molto bene in Inghilterra, giocare in Premier League ed essere accolto con così tanto entusiasmo dai tifosi è stupendo, sto bene con tutta la squadra ed il nuovo staff. Certo l’Italia è sempre l’Italia”.

Per gli Azzurrini oggi pomeriggio primo allenamento a Dublino a ranghi completi. Domani la seduta di rifinitura presso il “Tallaght Stadium” (aperto alla stampa i primi 15 minuti).

L’elenco dei convocati

Portieri: Marco Carnesecchi (Trapani), Mattia Del Favero (Piacenza), Alessandro Plizzari (Livorno);

Difensori: Claud Adjapong (Verona), Alessandro Bastoni (Inter), Enrico Delprato (Livorno), Matteo Gabbia (Milan), Riccardo Marchizza (Spezia), Luca Pellegrini (Cagliari), Luca Ranieri (Fiorentina), Marco Sala (Virtus Entella);

Centrocampisti: Marco Carraro (Perugia), Davide Frattesi (Empoli), Manuel Locatelli (Sassuolo), Giulio Maggiore (Spezia), Fabio Maistro (Salernitana), Sandro Tonali (Brescia), Niccolò Zanellato (Crotone);

Attaccanti: Patrick Cutrone (Wolverhampton Wanderers), Moise Kean (Everton), Andrea Pinamonti (Genoa), Gianluca Scamacca (Ascoli), Riccardo Sottil (Fiorentina).

Staff – Allenatore: Paolo Nicolato; Capo delegazione: Massimo Paganin; Dirigente accompagnatore: Vincenzo Marinelli; Coordinatore delle nazionali giovanili: Maurizio Viscidi; Assistente allenatore: Mirco Gasparetto; Segretario: Manfredi Martino; Preparatore atletico: Vincenzo Pincolini; Preparatore dei portieri: Gian Matteo Mareggini; Match analyst: Francesco Bordin; Medici: Angelo De Carli e Vincenzo Santoriello; Fisiologo: Cristian Osgnach; Fisioterapisti: Emiliano Bozzetti e Nicola Sanna; Osteopata: Cristiano Pompili.

Il programma

Martedì 8 ottobre
Ore 13.15 – (l.t.) – Incontro stampa 1 giocatore presso il KINSWOOD HOTEL CITY WEST 4*
Ore 18 – (l.t.) – Allenamento (aperto alla stampa i primi 15 minuti)

Mercoledì 9 ottobre
Ore 15 – (l.t.)  – Conferenza stampa tecnico Nicolato presso il KINSWOOD HOTEL CITY WEST 4*
Ore 20 – (l.t.) – Allenamento ufficiale presso “Tallaght Stadium” (aperto alla stampa i primi 15 minuti)

Giovedì 10 ottobre
Ore 9.30 (l.t.) – Intervista esclusiva RAI TV con il tecnico Nicolato
Ore 11 – (l.t.)  – Allenamento (chiuso)
Ore 20.05 (l.t.) – Tallaght Stadium di Dublino: REPUBBLICA D’IRLANDA-ITALIA a seguire conferenza stampa post gara          

Venerdì 11 ottobre
Ore 10 – (l.t.)  – Partenza volo charter Dublino-Yerevan: fuso orario +2 h. rispetto all’Italia
Ore 18.25 – Arrivo a Yerevan e trasferimento c/o RADISSON BLU YEREVAN – Yerevan

Sabato 12 ottobre
Ore 13.15  (l.t.) – Incontro stampa 1 giocatore presso il RADISSON BLU YEREVAN
Ore 18 – (l.t.)  Allenamento (aperto alla stampa i primi 15 minuti)

Domenica 13 ottobre
Ore 13.30 (l.t.) – Conferenza stampa tecnico Nicolato presso il RADISSON BLU YEREVAN
Ore 20.30 (l.t.) – Allenamento ufficiale presso “FFA Academy Stadium” (aperto alla stampa i primi 15 minuti)

Lunedì 14 ottobre
Ore 9 (l.t.) – Intervista esclusiva RAI TV con il tecnico Nicolato
Ore 11 – (l.t.)  Allenamento (chiuso)
Ore 20.30 (l.t.) – FFA Academy Stadium di Yerevan: ARMENIA-ITALIA. a seguire conferenza stampa post gara, rientro in Italia in charter e scioglimento delegazione

 

Immobile: “Sono in debito con la Nazionale, grazie a Mancini per avermi aspettato”

Pub:Tue, 08 Oct 2019 15:11:44 +0200

L’attaccante della Lazio, capocannoniere della Serie A, è tornato al gol con la Finlandia. “La concorrenza con Belotti è positiva, spero che la maglia…

La Nazionale tornerà ad allenarsi nel pomeriggio a Coverciano, dove continua la preparazione in vista delle gare valide per le ‘European Qualifiers’ con Grecia e Liechtenstein. Sabato a Roma l’Italia avrà a disposizione con la Grecia il primo match point per staccare il pass per EURO 2020: allo Stadio Olimpico è di casa Ciro Immobile, che sogna di ripetersi dopo essere tornato al gol in Nazionale lo scorso settembre in Finlandia a due anni di distanza dall’ultima rete realizzata in maglia azzurra.


L’Olimpico è il mio stadio – le parole in conferenza stampa dell’attaccante della Lazio – e ovviamente mi piacerebbe mettere piede in campo. Lavorerò per mettere in difficoltà il mister in questa scelta”. Per la sfida con la Grecia, Immobile chiama a raccolta i tifosi: “Affrontiamo una squadra tosta e dovremo mettercela tutta. Sarà fondamentale anche il contributo del pubblico per raggiungere la vittoria, ottenere la qualificazione all’Europeo e cancellare così il brutto ricordo dell’esclusione dal Mondiale”. Il play off perso con la Svezia resta una ferita aperta: “Quell’anno ho segnato tanto, ma non riuscivo ad essere soddisfatto. Poi con i compagni di Nazionale ci siamo detti che era arrivato il momento di rimuovere quella delusione e di ripartire. In questo è stato importante Mancini, che ha creato un grande gruppo e, dopo la partita con l’Ucraina, ci ha dato un gioco offensivo e fatto di pressing, che ha fatto innamorare di nuovo gli italiani. Lo devo ringraziare anche perché mi ha aspettato nei momenti in cui non giocavo al meglio”.


Reduce dalla doppietta messa a segno a Bologna, l’attaccante della Lazio ha realizzato già sette gol in campionato ed è l’attuale capocannoniere della Serie A: “Mi sento in debito con la maglia azzurra, e spero proprio di ripagarlo la prossima estate all’Europeo. Sarà importante continuare a vincere tutte le partite per arrivare alla competizione continentale con la massima fiducia”. Con Belotti c’è una sana rivalità: “Abbiamo caratteristiche diverse. Lui preferisce stare dentro l’area, a entrambi piace attaccare gli spazi. La concorrenza tra di noi può far comodo, fa bene anche alla squadra perché puoi sempre dimostrare qualcosa a te stesso e agli altri. Per fortuna io e il Gallo stiamo segnando, lo ha fatto due volte lui l’altra volta e anche io sono tornato a segnare. C’è dualismo, ma non solo nel nostro ruolo. Siamo concentrati sulla squadra, l’importante è che l’Italia vinca non chi gioca di più”.

Sabato l’Italia scenderà in campo con la maglia verde, che si ispira al periodo rinascimentale e celebra i tanti giovani talenti che stanno diventando sempre più protagonisti dei successi della Nazionale: “È particolare – il commento di Immobile –  il nostro colore è l’azzurro, ma non è detto che non si possa cambiare. È una terza maglia come nei club, saremo orgogliosi di indossarla e speriamo di raggiungere lo stesso risultato ottenuto nel ’54 dall’Italia, che con la maglia verde superò 2-0 l’Argentina”.

Per la cartella stampa clicca qui

L’elenco dei convocati

Portieri: Gianluigi Donnarumma (Milan), Pierluigi Gollini (Atalanta), Alex Meret (Napoli), Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Cristiano Biraghi (Inter), Leonardo Bonucci (Juventus), Danilo D’Ambrosio (Inter), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Roma), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Roma);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Federico Bernardeschi (Juventus), Bryan Cristante (Roma), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Marco Verratti (Paris Saint Germain). Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Shangai Shenhua), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli).

Staff – Commissario Tecnico: Roberto Mancini; Team Manager: Gabriele Oriali; Assistenti tecnici: Alberico Evani, Attilio Lombardo, Giulio Nuciari, Fausto Salsano; Preparatori atletici: Claudio Donatelli e Andrea Scanavino; Preparatore dei portieri: Massimo Battara; Match Analyst: Antonio Gagliardi e Simone Contran; Medici: Andrea Ferretti (responsabile area medica) e Carmine Costabile; Fisioterapisti: Maurizio Fagorzi, Emanuele Randelli, Fabrizio Scalzi, Luca Lascialfari, Fabio Sannino; Osteopata: Walter Martinelli; Nutrizionista: Matteo Pincella; Segretario: Emiliano Cozzi; Capo Ufficio Stampa: Paolo Corbi.

Il programma della Nazionale

Martedì 8 ottobre
Sponsor day
Ore 13.45 – Conferenza Stampa Museo del Calcio
Ore 14 – Incontro con i Media (calciatore)
Ore 17 – Allenamento (aperto)

Mercoledì 9 ottobre
Ore 13.45 – Conferenza Stampa Partner FIGC
Ore 14 – Incontro con i Media (calciatore)
Ore 17 – Allenamento (aperto ai Media primi 15’ min.)

Giovedì 10 ottobre
Ore 11 – Allenamento (chiuso)
Ore 15.50 – Partenza treno charter Campo di Marte/Roma
Ore 17.20 – Arrivo a Roma e trasferimento presso Osp.le Pediatrico “Bambino Gesù”
Ore 18 – Visita della Nazionale al “Bambino Gesù”

Venerdì 11 ottobre
Ore 17 – Conferenza Stampa
Ore 17.30 Allenamento MD-1 presso “Stadio Olimpico”

Sabato 12 ottobre
Ore 20.45 – Italia-Grecia “Stadio Olimpico”. Al termine della gara incontro con i Media e rientro in Hotel

Domenica 13 ottobre
Ore 11.30 – Allenamento (chiuso)

Lunedì 14 ottobre
Ore 10.30 – Partenza volo charter AZ Roma/San Gallo (Svizzera)
Ore 18 – Conferenza Stampa
Ore 18.30 – Allenamento MD-1 presso “Rheinpark Stadion” – Vaduz

Martedì 15 ottobre
Ore 20.45 – Liechtenstein-Italia “Rheinpark Stadion” – Vaduz. Al termine della gara incontro con i Media e rientro in hotel

Mercoledì 16 ottobre
Ore 10 – Partenza volo charter AZ San Gallo/Malpensa (11.10) – Roma (13.00)